Looking for a room? Bring your cv

Bruxelles, di Irene Giuntella

Bruxelles, di Irene Giuntella

Looking for a room in a flat-share it is not easy. Especially in Brussels. The time to spend on a room research is quite comparable to the time for a job application. The procedures are standard: sending a short cover letter about yourself to the future flatmates, showing all your motivation to obtain the room, undertaking one or more final interviews. Visits, appointments, being really on time otherwise you lose the room, collective or individual flat’s tours.

That’s how I found my self suddenly involved in an adventure that I could not imagine so complicated. My experience included flatmates who were examining my level of French, a final interview about my hobbies, unusual questions on your favourite dish and different reactions on your answers : if you are an Italian you are going to really cook then kitchen will be dirty or you could be useful to cook for all. A potential flatmate asks you to leave your shoes at the entrance and to walk on tiptoe, an other one will try to rent it a living room to ask you a monthly payment extremely high to cover his expenses as well. Some others will try to understand if you are more a “party mood” person or a serious one, according with the age of flatmates you should pay attention on showing your self more in a way than in the other one. At the end like in a real job interview you have to show your full motivation to obtain the room, grabbing at straws thinking on your abilities on cooking your favourite dish and without making them understand that last time during a friends dinner, you completely burnt everything.

So you buzz on the door and the flat tour starts: first the room, then the kitchen, the services, the washing machine if there is one, the hoven or microwave. At the end you have to force yourself asking questions otherwise you dangerously show you are not interested about the room. That’s why even if you already know all the answers from the advertisement you should ask some questions: << Is there any washing machine or should I go to the public laundry nearby? All charges included? Is the heating centralised ? Do you have an hoven? Ah that’s great so finally I’ll cook!>>. Sentences that you are going to repeat at every single visit, adding or omitting something.

The rooms and flats on renting vary a lot, some of them have surprising prices and some buildings are really in a bad conditions. You can find a room that of course it will have an independent access from the street but it could be underground in the basement and communicating with the other three rooms of your flatmates separated from each other by glass doors. My imagination suddenly goes on somebody stopping and sitting on my window with a beer, because it is on a very busy and “movida” street , or on a dog finding my window as a perfect place for his pee. No that’s not possible, I cannot stand that and the price is too much: 500 euro or more for a room like that one. So I move on and I visit an other flat : the flatmate wants to rent me his living room as a room at an excessive amount, the flat is wonderful but he’s giving away day by day every kind of furniture << there was a washing machine but I decided to give it away because every weekend I go back home to my country >>. An other potential flatmate tells me to not paying attention at a wall that is falling down at the entrance, because it will be fixed soon. The tours come to an end and then there is the questions time or as I call it the interview’s time << So , what is your favourite dish? What are you usually doing in your free time? At what time do you usually take a shower? Do you like to organise party at home? But are you quiet , not? Are you tidy? What is your typical day? What is your timetable? Do you prefer watching movies on a sofa or going to the cinema? >>. By answering to these questions, on one hand you discover sides about you that you probably ignored or you did not want to discover, on the other hand you feel like you have to grab at straws and understand what your interlocutors expect from you before answering them, if they have different ages, some of them are students the others work, you have to make your self appreciated by both of them: so you should appear as a professional and a party person . Especially you do not have to burn your favourite dish. Once before visiting a flat I received a message: I have been advised from a flatmate that they were going to test my French during the visit because the other flatmate she wanted someone speaking French at home. When I did my tour to the flat all the visit went well, included my French, but then in the kitchen there was an other Italian guy who admitted he knew very little French and he started to speak Italian with me. So even this room has gone at the end. I never did until now so much networking as I did in the past weeks.

Irene Giuntella

Read in Italian on Eastonline  http://www.eastonline.eu/it/opinioni/european-crossroads/cerchi-stanza-porta-cv

Working poor: in Europa anche gli occupati sono a rischio povertà

In Europa il rischio povertà è dietro l’angolo anche per chi ha un lavoro. Pur lentamente riprendendosi dalla crisi e registrando una tendenza positiva sul mercato del lavoro, crescono gli occupati a tempo pieno, i “working poor”, che non riescono ad arrivare a fine mese, soprattutto nel Sud Europa. È quanto emerge dai dati del Social Justice Index 2016 della fondazione Bertelsmann Stiftung ( https://www.bertelsmann-stiftung.de//en/publications/publication/did/social-justice-in-the-eu-index-report-2016/ ), dove l’Italia si classifica ventiquattresima su ventotto paesi Ue in una lista che vede ai primi posti, anche in questo caso i paesi nordici, Svezia, Finlandia e Danimarca, ultima la Grecia.

La forte diseguaglianza di reddito, il divario intergenerazionale, la disoccupazione giovanile di lunga durata, l’elevato rischio di povertà, sono tra i fattori che hanno reso l’Italia lontana dagli obiettivi della giustizia sociale.

Dai dati del 2015 si rileva che il 9.8% dei lavoratori italiani full time è comunque a rischio povertà. Occupazioni a bassa remunerazione e la scissione del mercato del lavoro in forme occupazionali tipiche e atipiche spiegherebbero secondo gli autori il rischio di povertà crescente che colpisce persino i cittadini Ue che lavorano a tempo pieno . Anche questa categoria rischia così di rimanere esclusa dalla partecipazione alla vita sociale << Un lavoro a tempo pieno non deve solo assicurare un reddito, ma anche il necessario per vivere. Una quota crescente di persone che a lungo termine non riesce a vivere del proprio lavoro , mina la legittimità del nostro ordinamento economico e sociale>> ha affermato Aart De Geus presidente del consiglio di amministrazione della fondazione Bertelsmann Stiftung.

In generale in Europa quasi un cittadino su quattro (118 milioni di persone) , è a rischio povertà o esclusione sociale: preoccupano in particolare la Grecia (35.7%), la Romania (37.3%) , e la Bulgaria (41.3%). In Italia si tratta del 28.7% della popolazione.

I più colpiti sono i giovani : 25.2 milioni di ragazzi in Europa sotto i diciotto anni. Questo drammatico fenomeno riguarda specialmente la Grecia, la Spagna, l’Italia e il Portogallo paesi dove in media un ragazzo su tre rischia la povertà. Mentre si è ridotta la quota di anziani sull’orlo di condizioni di indigenza(5.5%) facendo crescere il divario tra generazioni: un ragazzo su dieci vive in condizioni di gravi privazioni materiali.

Un gran numero di ragazzi italiani potrebbe rimanere escluso permanentemente da un’occupazione stabile e questo comporterebbe forti conseguenze sociali a lungo termine per il nostro paese, se non si interviene a favore di un’attivazione del mercato del lavoro in tempi rapidi. Quasi un terzo dei giovani italiani nel 2015 era inattivo, Neet : non lavorava e non studiava. << La crescente mancanza di prospettive di tanti giovani li spinge verso i movimenti populisti rafforzandoli . Non dobbiamo rischiare che i giovani delusi e frustrati si ritirino dalla società>> avverte De Geus. Le recenti riforme del lavoro seppure nella direzione della crescita di posti di lavoro, non hanno ancora portato i risultati sperati: nel 2015 solo il 56.3% dei cittadini italiani in età lavorativa era inserito nel mondo del lavoro, si tratta di una delle quote più basse in Europa, meglio solo della Grecia e la Croazia. La disoccupazione di lungo periodo in Italia è più che raddoppiata dall’inizio della crisi: nel 2008 era intorno al 3.1% mentre nel 2014 ha raggiunto il 7.9%. In generale la disoccupazione è passata in questi anni dal 6.8% al 12.1% nel 2015.

Lo studio rileva anche che il nostro paese è demograficamente il più anziano e contando la più alta dipendenza strutturale di anziani a cui dovrebbe corrispondere un alto livello di occupati , ma così non è per il momento. Gli investimenti nella ricerca e nello sviluppo rimangono ancora bassi.

Una nota positiva è che negli anni l’occupazione femminile è andata migliorando ma ancora la strada della parità di genere è molto lunga rispetto alla media Ue.

 

Irene Giuntella

 

Progettisti europei, prospettive di lavoro

Avviare un’impresa, realizzare progetti di ricerca, lavorare per amministrazioni locali e nazionali, essere consulente per società o per organizzazioni no profit. Questi alcuni degli sbocchi che l’aspirante “progettista europeo” può trovare. Figura professionale che incuriosisce sempre di più i giovani, a prima vista, appare poco definita: non esiste un albo professionale, e molto diversi possono essere i percorsi da intraprendere per diventare progettista. Girando su internet non è difficile notare un vero e proprio business in questo campo. Esistono corsi di formazione privati ma anche presso le istituzioni.

Una volta intrapreso il percorso, la vita dei progettisti non è certo facile. Districarsi tra le informazioni, relative ai finanziamenti Ue, nei siti delle istituzioni comunitarie rimane ancora un’impresa ardua. Il campo dei finanziamenti europei è decisamente vasto e riguarda diversi settori dalla cultura all’impresa, alla ricerca, all’ agricoltura, ognuno con un proprio bando, proprie scadenze. I finanziamenti sono suddivisi tra diretti e indiretti. I primi sono gestiti dalla Commissione Europea, destinati in genere a progetti per le università, società e imprese. Quelli indiretti strutturali o di coesione (l’80% del bilancio Ue) sono affidati agli stati membri, attraverso le regioni, con accordo di programma con la Commissione Ue ( http://europa.eu/about-eu/funding-grants/index_it.htm ). La strategia Horizon 2014-2020 riunisce tutti i bandi di cultura, ricerca e innovazione: dall’Erasmus a Europa Creativa, dall’agricoltura ai fondi per le piccole e medie imprese (COSME) http://ec.europa.eu/research/participants/portal/desktop/en/opportunities/index.html.

Un aiuto a capire la burocrazia Ue per presentare i progetti può arrivare dal punto di riferimento nazionale APRE, Agenzia per la Promozione della Ricerca Europea (http://www.apre.it/ricerca-europea/horizon-2020/) che assiste gratuitamente o può rispondere a dubbi dei progettisti. La vera difficoltà arriva al momento della stesura dei progetti: generalmente si sente parlare dei fondi europei quando si parla dell’incapacità del nostro Paese di utilizzarli. Se l’Italia è tra i primi posti per quanto riguarda l’uso di fondi diretti, stanziati dalla Commissione Ue, lo stesso non si può dire per i finanziamenti i cui bandi vengono affidati alle regioni. In quest’ultimo campo, secondo i dati Eurispes dell’aprile 2014, l’Italia deve ancora spendere, entro la data limite del 31 dicembre 2015, più della metà dei finanziamenti affidati alle regioni del settennato 2007-2013. La cifra è considerevole: 14,39 miliardi di euro (http://www.eurispes.eu/content/l%E2%80%99italia-met%C3%A0-le-occasioni-perdute-fondi-ue-ancora-da-spendere-pi%C3%B9-della-met%C3%A0-delle-risorse).

Questo mancato utilizzo viene spesso addebitato a incapacità e incompetenze, ma secondo alcuni addetti ai lavori sarebbe piuttosto riconducibile alla poca trasparenza e alla gestione clientelare dei bandi. << Lo spreco dei fondi a livello locale – commenta Marcello Missaglia consulente in progettazione europea e lobby presso le istituzioni Ue- colpisce soprattutto i giovani che potrebbero avere opportunità lavorative nella realizzazione di questi piani strutturali settennali >>.

Irene Giuntella